Skip to content →

Squolafotografica Posts

La chiusura di un cerchio, e altro.

 

Nonsolostelle2017 è appena finito, assieme a Marco Colombo ringrazio i partecipanti. Come sempre, durante questi workshop faccio 2-3 foto, non di più, e qualche scatto di backstage. Ho un commento sulle immagini che vi presento.

All’inizio degli anni ’90 cominciai a dedicarmi con intensità alla realizzazione di immagini fortemente ambientate con soggetti tipici della macrofotografia: insetti, altri invertebrati e piccoli vertebrati. In quegli anni le tecniche di ripresa e di illuminazione in queste consizioni erano tutte da mettere a punto. Non c’erano tanti esempi da imitare nè molti strumenti disponibili, le prime ottiche grandangolari con capacità macro erano degli ultragrandangoli Sigma. Nikon poi aveva in catalogo un anello di prolunga cortissimo (8mm) il PK11A che impiegavo con il 20 e il 16mm Nikon. Artigianalmente avevo modificato, allora, un Vivitar 19mm, rimuovendo il blocco della messa a fuoco. Potevo così focheggiare sino a far cascare a terra la lente frontale…

In particolare un servizio sull’edizione inglese del National (quella italiana ancora non c’era) mi aveva colpito, affascinato e motivato. Una delle foto interne mostrava una colorata scolopendra ambientata tra i muschi e le rocce di una foresta tropicale.

Molte delle foto che ho realizzato da allora sono finite sulle pagine di riviste di natura italiane ed estere, nelle mie mostre, nei miei libri e, in qualche caso, si sono aggiudicate qualche premio in concorsi internazionali e nazionali.

Ecc…. Se avete voglia di guardare qualcuna di quelle immagini potete dare una sbirciata sul mio sito: www.antasfoto.net

Erano soprattuto immagini diurne o crepuscolari, qualche volta subacquee. Le pellicole di allora e, successivamente, i primi sensori non permettevano di allargarsi troppo con le immagini notturne… Così oggi parlo di chiusura di un cerchio perchè ho avuto voglia di riprendere la tecnica che avevo da un po’ messo da parte per realizzare qualche notturno ambientato con alcuni soggetti incontrati in questi giorni: una cicala, ed un rospo smeraldino… Nei tre casi, la scelta della profondità di campo, come sempre, non è casuale 🙂

Leave a Comment

Di notte tutti i gatti sono bigi. Le galassie anche.

Diversi anni fa, nel 2010, per la precisione, durante un Workshop che tenevo a Carloforte (Isola di San Pietro), nella sessione notturna feci qualche scatto alla via lattea con le Colonne come primo piano e alcuni faraglioni poco distanti dalla costa. Non era, la Via Lattea, allora un soggetto particolarmente inflazionato e la D3S permetteva di renderlo abbastanza bene. Poi, in un workshop queste cose piacciono. Ma non era questo l’argomento del post…

Lo scatto a sx mostra l’elaborazione del raw di allora, sette anni fa. Quasi rigorosamente monocromatico. I due successivi suno una rivisitazione del raw realizzata in questi giorni . Al centro una concessione (moderata) al gusto attuale, psichedelico e fantascientifico, a destra una gestione meno spinta e più rispettosa della fisiologia della nostra visione.

La retina umana, infatti, ha due tipi di recettori, i coni, attivi nella visione diurna e grazie ai quali percepiamo i colori, e i bastoncelli, che funzionano al buio e non sono sensibili ai colori. Questo il motivo del noto proverbio sul colore dei gatti di notte… al buio non distinguiamo i colori. E questo il motivo per cui molti scatti notturni sembrano invece diurni, il nostro cervello non riconosce quelle immagini come notturne perchè troppo colorate. La via lattea è un oggetto debolmente luminoso e non ne percepiamo i colori per questo motivo. Il sensore rivela e mostra una rappresentaziono distante da quello che siamo abituati a vedere.

Personalmente preferisco una descrizione più simile a quello che realmente si osserva in quelle condizioni, anche se l’impatto è inferiore. Ma, come mi capita di dire nei miei corsi, se la pietanza è troppo speziata, forse il cuoco sta cercando di dare sapore a qualcosa che non lo ha… o peggio

Leave a Comment

Nonsolostelle…

Nonsolostelle 2017 è un workshop di macrofotografia e fotografia notturna che, assieme a Marco Colombo organizziamo dal 4 al 6 agosto nel Parco di Porto Conte e dintorni, ad Alghero. Dalle 17 del venerdì alla tarda serata di domenica. Pausa la mattina sino al tardo pomeriggio e discussione degli scatti. A richiesta vi invieremo il pdf informativo con tutti i dettagli. Per qualunque informazione scrivete a: info@antasfoto.net

Leave a Comment

Impressioni Impressions

Ho sempre amato le immagini morbide, cercando di sfuggire la nitidezza spesso opprimente e noiosa della foto documentaristica. E le ho impiegate nelle copertine di alcuni dei miei libri. Dai Mari della Sardegna è un libro fotografico del 2010, se la memoria non mi fa difetto… La foto fa esplodere il contraso tra il tono caldo della stella e il verde del posidonieto e della superfice dell’acqua. Un effetto ottenuto pinneggiando rapidamente durante lo scatto, e con molti tentativi… Il più bel complimento per la foto mi fu fatto, durante una delle presentazioni del libro da un subacqueo di Alghero. Alla fine della proiezione prese la parola per dire che sott’acqua, per lui, era proprio così.  Anche per me.

I have always loved soft pictures, trying to escape the often overwhelming and boring sharpness of the documentary photography. And I used them in the covers of some of my books. Dai Mari della Sardegna is a photographic book i published in 2010, if memory does not hurt me … The photo explodes the contrast between the warm tone of the star and the green of the posidonieto and the surface of the water. An effect gained quickly swimming while shooting, and with many attempts … The most beautiful compliment to the photo was made during one of the book presentations by a diver of Alghero. At the end of the projection he took the floor to say that underwater, for him, was just so. Me too.

Leave a Comment

Stefano e la domografia

Kilometro zero è il primo lavoro editoriale di Stefano Pia. Assieme a Vittorio Cannas Stefano organizza da vari anni il Bifoto, festival di fotografia che ogni anno, nel mese di giugno, si tiene a Mogoro, una graziosa citttadina dell’Oristanese.

Le immagini interamente realizzate all’interno del borgo di Mogoro, o nel suo territorio, raccontano il paese, i suoi istanti, spaccati delle sue giornate e della vita dei suoi personaggi, in una esplosione di frammenti vitali, spesso gioiosi o ironici che accentuano il contrasto tra tradizione e modernità, una convivenza obbligata, nè difficile ne facile. Con cui il fotografo deve fare i conti. Semplicemente, senza menzogne o ipocrisie. Così Stefano costruisce un tessuto di icone mogoresi, simile a quanto altri, in passato, hanno realizzato in altri borghi d’Italia. Le immagini di Stefano sono gaie, crude a volte, tracciano trame e tessuti di interazioni vitali. Un pargone che viene spontaneo è quello con Nino Migliori, che ha sapientemente e monocromaticamente raccontato la provincia italiana.

Per l’acquisto del libro e i dati di stampa vi rimando al sito dell’autore: http://www.stefanopia.eu/kilometro_zero-r8753

Leave a Comment

Workshop: Lo Still Life e la fotografia naturalistica

DESCRIZIONE DEL CORSO

Il workshop introduce alle tecniche di ripresa nella fotografia di still life. Si affronterà la questione dell’allestimento del set fotografico, dell’illuminazione e delle tecniche di bilanciamento del colore. Saranno analizzati gli obiettivi (compresi i basculanti) e illuminatori adatti per il light painting nella fotografia di still life. Saranno introdotte le tecniche di controllo della fotocamera da da computer, di acquisizione del file raw e alcuni rudimenti di postproduzione con Photoshop.

REQUISITI Nessuna dotazione è richiesta ai partecipanti che potranno portare le proprie macchine fotografiche e software per sperimentare parallelamente alle dimostrazioni. Il corso avrà la durata di 4 giorni in orario serale, dopo le 19. Da martedì 13 giugno a venerdì 16 giuno. Massimo 5 partecipanti. Informazioni: squola@antasfoto.net

 

 

PROGRAMMA

ALLESTIMENTO

  • preparazione del set fotografico
  • illuminazione ed esposizione
  • riferimento del grigio e tabelle colore

RIPRESA

  • lenti macro e tilt-shift
  • tecniche di ripresa
  • Sistemi multiflash e luce continua. Light painting
  • controllo fotocamera e acquisizione remota delle immagini

POSTPRODUZIONE

  • acquisizione delle immagini in PS
  • bilanciamento colore
  • equalizzazione file
  • postproduzione e cenni di Photoshop

REQUISITI Nessuna dotazione è richiesta ai partecipanti che potranno portare le proprie macchine fotografiche e software per sperimentare parallelamente alle dimostrazioni. Il corso avrà la durata di 4 giorni in orario serale, dopo le 19. Da martedì 13 giugno a venerdì 16 giuno. Massimo 5 partecipanti. Informazioni: squola@antasfoto.net

Bruno Manunza è autore di diversi volumi fotografici e collabora con molte riviste del settore quali: La Rivista della Natura, Aqva, Mondo Sommerso, Il Subacqueo, Sardegna da Scoprire, Natura Mundi, Mare Nostrum, Sardegna e Dintorni, Oggi, Fotografare, Oasis, FOTOCult, Geo, Qui Touring, Parchi e Riserve, il Venerdì di Repubblica ecc. Le sue foto sono state premiate e in numerosi concorsi internazionali,  tra questi: il Nikon International Photo Contest ,i Concorsi di OASIS, l’AFPAN (Francia), l’EURONATUR (Germania). Ha inoltre raggiunto con più immagini la finale nelle  edizioni 1999, 2000, 2001, 2003 e 2010 del  WILDLIFE PHOTOGRAPHER OF THE WORLD, il più prestigioso tra i concorsi di fotografia naturalistica. Fotografa Con le fotocamere digitali FX (full frame) Nikon D3s e Kodak DCS Slr/n PRO, con ottiche che vanno dal 16 al 600mm più moltiplicatori, vari tubi, lampeggiatori, ed altre diavolerie autocostruite. Sott’acqua usa una custodia Acquatica, e flash Ikelite. E’ autore dei volumi fotografici Funghi, colori e forme del sottobosco (Pubblinova 2016), Conchiglie viventi ed altri molluschi marini (Pubblinova 2016) Natura e Civiltà: la provincia di Sassari (Pubblinova 2014), Arcipelago Verde (Pubblinova 2013), Dai Mari della Sardegna, un’Isola di Biodiversità (Pubblinova, 2011), Sennoricas, Orchidee di Sardegna (Imago, 2010), Falesie (Pubblinova, 2008), Mediterranea, pubblicato dalla Pubblinova (2007) nella collana Fotografi per Natura, Dall’acqua all’aria (Magnum, 2005) e delle guide ‘Sassari Natura e Paesaggio’ e ‘Sassari città regia’. Sue le copertine di sei dei volumi dell’Enciclopedia della Fauna della Sardegna per la quale ha realizzato i volumi sugli invertebrati terrestri e marini. Tiene il corso di Fotografia Scientifica e Naturalistica per gli studenti della Facoltà di Agraria dell’Università di Sassari e, tra i vari corsi e workshop cura, per il Parco Naturale di Porto Conte, i Workshop di Fotografia Naturalistica nel Parco Naturale di Porto Conte. www.antasfoto.net

Leave a Comment

Tartarughe e buoi… di Bruno Manunza

Nonsolomacro. Una vera tartaruga palustre europea (Emys orbicularis) ripresa ambientata in quello che è il suo ambiente naturale: un torrente nel Sarcidano. Altri avrebbero ambientato una tartaruga azzannatrice della Luisiana in una pozza di scogliera dell’Asinara… ma noi siamo scienza, non scemenza. E conosciamo quello che fotografiamo. Quando fotografiamo una tartaruga come quando fotografiamo un bullone o la gente per la strada.

La foto è stata realizzata in una delle uscite di Nonsolomacro2017, nella zona di Laconi (OR), in Sardegna. L’incontro è stato piacevole, verrebbe da dire fortunato, ma in realtà quando si esce con regolarità in natura le cose è naturale incontrarle, senza dover per forza fare la spesa al petshop prima di andare nel bosco… Niente di male in questo. Ricordo che Attenborough, forse il più grande documentarista vivente, diceva che se vogliamo documentare l’accoppiamento notturno degli scorpioni nel deserto africano possiamo anche trascorrere un mese nel deserto e magari produrre pochi metri di ripresa scadente. Ma se allestiamo un ambiente controllato che riproduce quell’habitat e inseriamo alcune coppie, faremo senz’altro la ripresa. Certo un grande documentarista è animato da intenti scientifici e dal rispetto delle condizioni reali. E, a differenza di qualche fotografo improvvisato, non fa arrampicare uno scorpione che, per abitudine, preda al suolo su un ramo d’albero (salvo inondazioni)… a combattere improbabili battaglie da arena romana.

Ora, in risposta ad una considerazione che mi fu fatta tempo fa, preciso un paio di cose. Ho sviluppato e praticato l’uso di grandangolari molto spinti in macrofotografia negli anni ’90, lavorando in analogico e con obiettivi da me modificati. Quando si va così vicino ai soggetti un minimo di gestione è inevitabile. Per questo motivo non ho mai inviato questo tipo di scatto ad un concorso fotografico. Parto dal principio che: uno la giuria non sia fatta di sprovveduti (ma forse non è proprio così…) due non bisogna prendere per il culo gli altri concorrenti… In fondo non tutte le foto devono finire in un concorso. Possono essere destinate a un libro, ad una rivista, all’agenzia, ad una mostra… Eppure esibire il raw di questo scatto non comporta nessuna difficoltà e non rivela niente di più diquel che si vede… Diciamo questo: Se ci sono delle regole, riguardo la manipolazione, le tecniche di postproduzione, o quant’altro, rispettiamole. I concorsi non sono la parte più importante della fotografia (e sono stato premiato in parecchi). Poi come disse una volta uno di voi: non esiste il campione mondiale della fotografia. La fotografia non è come il lancio del giavellotto. Ma, soprattutto, non è uno sport competitivo.

Bruno Manunza

Leave a Comment

Memorie

Ricordi…
Molti anni fa, quando iniziai la mia collaborazione con AQVA, rivista ormai scomparsa come, purtroppo, altre del settore, ricordo che l’editor delle immagini era Barbara Galli, dalla quale ricevetti alcuni consigli che ancora oggi guidano la mia attività fotografica. Una mattina, nella redazione, discutevamo di un servizio sui nudibranchi.
-I nudibranchi- lei disse- sono già belli per i fatti loro, vediamo di fare anche una bella fotografia ora…-
Tendiamo a trasferire il fascino del soggetto alla fotografia anche quando questa è banale… Letizia Battaglia, una grande fotografa di attualità, disse una volta:
“C’è gente che vede la foto – che so? – di una bella ragazza e dice: “Che bella foto!”. Capito che fesseria?“
Una grande verità 🙂
[foto da “Conchiglie Viventi ed altri molluschi marini del Mediterraneo”. Ed. Pubblinova 2016]

Nessun testo alternativo automatico disponibile.Nessun testo alternativo automatico disponibile.
Leave a Comment

Nonsolomacro2017, Orchidee spontanee, macrofotografia, paesaggio, tecniche avanzate, e altro ancora…

Iscrizioni aperte per il workshop di macrofotografia (ma non solamente) primaverile. Si tratta di un workshop che si svolge nell’arco di più week end ed ha come filo conduttore la fioritura di alcune delle specie meno comuni di orchidee spontanee sarde, con possibilità di partecipazione modulare alle sole date di vostro interesse. Avremo naturalmente l’occasione di lavorare su altri soggetti di piccole dimensioni e di mettere in pratica alcune tecniche avanzate di ripresa e postproduzione. La parte teorica si svolge principalmente in campo. La parte di postproduzione sarà trattata fondamentalmente attraverso la rete.

I week end interessati sono 5 e toccano la Sardegna centromeridionale. Naturalmente la partecipazione può essere modulare e si può aderire ed acquistare solo il pacchetto che interessa.

Era previsto l’inizio nel prossimo week end (29-30 aprile) ma un imprevisto impegno mi costringe a spostarlo.

we 1 6-7 maggio 2017 Ales Laconi: Epipactis , Ophrys apifera, Listera…

we 2 13-14 maggio Iglesiente. Domusnovas-Piscinas Ophrys endemiche

we 3 27-28 maggio S.Leonardo – Laconi Platanthera kuenkeli…

we 4 10-11 Giugno Ogliastra-Osini Dactylorhiza elata…

we 5 (eventuale recupero) 22-23 giugno Laconi Platanthera clorantha, Epipactis palustris

Per informazioni, prenotazioni e iscrizioni: info@antasfoto.net

Sfoglia Sennoricas

… per qualche altra immagine…

http://www.antasfoto.net/Subjects/Orchids/Thumbs.htm

http://www.antasfoto.net/Subjects/orchid2/Thumbs.htm

 

Leave a Comment

Notturni

Anche il secondo turno del corso di fotografia di paesaggio è arrivato alla conclusione… e come sempre ho conosciuto persone piacevoli che, a loro volta si sono conosciute tra loro 🙂 Si finisce sempre con una fotografia notturna. Che è solo l’inizio… Grazie a tutti, partecipanti e interessati…

Bruno

Leave a Comment